Fac-simili contratti di affitto in deroga alla legge 203/82




torna alla pagina Assistenza contrattuale




Legge 203 del 03/05/1982 Art.45 - Efficacia degli accordi


L'ultimo comma dell'articolo 23 della L. 11 febbraio 1971, n.ro 11 è sostituito dal seguente: "Sono validi tra le parti, anche in deroga alle norme vigenti in materia di contratti agrari, gli accordi, anche non aventi natura transattiva, stipulati fra le parti stesse in materia di contratti agrari con l'assistenza delle rispettive OO.PP. agricole maggiormente rappresentative a livello nazionale, tramite le loro organizzazioni provinciali, e le transazioni stipulate davanti al giudice competente.

È fatto altresì divieto di corrispondere somme per buona entrata.

Nelle province di Trento e Bolzano l'assistenza può essere prestata anche dalle organizzazioni professionali agricole provinciali.

È fatto comunque divieto di stipulare contratti di mezzadria, colonia parziaria, di compartecipazione agraria, esclusi quelli stagionali e quelli di soccida.

In ogni caso le organizzazioni professionali agricole possono stipulare accordi collettivi in materia di contratti agrari.”



torna all'indice



 

CONTRATTO di AFFITTO di FONDI RUSTICI

Ex art. 45 della L. 203/192 - Norme in materia di contratti agrari


Oggi ___/___/___, presso la sede della Confagricoltura del Trentino, tra I signori:
____________________________________ nato a _________________________ il ___/___/___
e residente a _________________________ in via ______________________________________
codice fiscale _________________________,
proprietario dei fondi appresso individuati, e
____________________________________ nato a _________________________ il ___/___/___
e residente a _________________________ in via ______________________________________
codice fiscale _________________________,
affittuario,

rispettivamente assistiti dal _______________________ della Confagricoltura del Trentino e dal _______________________ del Sindacato dell’Impresa familiare coltivatrice, facendo seguito alle intese verbali intercorse e con il puntuale intervento dei suddetti rappresentanti sindacali, in deroga alle vigenti norme in materia di contratti agrari, si stipula la presente convenzione ai sensi e per gli effetti dell’art. 45 della legge 203 del 1982.

1. Oggetto del contratto sono i fondi di proprietà dei signor ________________________ in località _________________________ del C.C. di ________________________ , contraddistinti dalle pp.ff. ________________________ della superficie complessiva di mq _______ circa coltivati a ________________________
2. Il canone d’affitto viene convenuto a corpo in ________________________ (______/___) euro annui da versarsi posticipatamente entro il 10 novembre di ogni anno.
3. La durata del contratto viene di comune accordo fissata in ________anni con decorrenza dalla data odierna e termine al _________ , data per la quale l’affittuario si impegna – per sé e familiari – a restituire i fondi, liberi da persone e cose, alla piena disponibilità della parte proprietaria. E’ esplicitamente esclusa la possibilità che il presente contratto possa essere tacitamente rinnovato.
4. Il signor ________________________ si impegna a concordare preventivamente con la proprietà qualsiasi miglioramento, rinunciando alla possibilità di eseguirne senza il suo preventivo consenso scritto. Rinuncia altresì a chiedere qualsiasi rimborso, sia immediato che futuro, per eventuali miglioramenti eseguiti senza tale autorizzazione.

Per quanto non ulteriormente esposto nel presente contratto le parti faranno riferimento a quanto stabilito dalla legge 203/1982.

I rappresentanti sindacali delle parti confermano che quanto sopra stabilito è stato nel corso dell’incontro discusso e concordato dalle parti da loro rappresentate, comprese le rinunce e gli impegni dell’affittuario riguardanti la durata, l’esecuzione dei miglioramenti ed il diritto a pretendere l’applicazione dell’equo canone e pertanto sottoscrivono il presente contratto per confermarne la validità ai sensi e per gli effetti del citato art. 45 della legge 203/1982.

Letto, approvato e sottoscritto.


il Proprietario

___________________________________
l’Affittuario

___________________________________
per la Confagricoltura del Trentino

___________________________________
per il Sindacato dell’Impresa familiare

___________________________________


torna all'indice



 

CONTRATTO di COMODATO


Con l’atto presente tra i signori:
____________________________________ nato a _________________________ il ___/___/___
e residente a _________________________ in via ______________________________________
codice fiscale _________________________,
proprietario dei fondi appresso individuati, e
____________________________________ nato a _________________________ il ___/___/___
e residente a _________________________ in via ______________________________________
codice fiscale _________________________,
comodatario,


Si conviene quanto segue:


1. Il signor ________________________ concede in comodato, cioè a completo titolo gratuito, al signor ________________________, che a tale titolo accetta, i fondi rustici di sua proprietà ubicati in C.C. di ________________________, contraddistinti dalle pp.ff. _____________ per una superficie complessiva di _____________ mq, coltivati a ________________________.
2. La durata del contratto è convenuta in 3 (tre) annate agrarie, con decorrenza dalla data odierna e termine al ___/___/___ data per la quale il comodatario, in assenza di un eventuale scritto che ne proroghi la durata, si impegna a restituire i fondi, liberi da persone e cose, alla piena disponibilità del proprietario.
3. E’ fatto divieto di concedere in godimento i terreni a terzi.
4. E’ fatto obbligo al comodatario di gestire i fondi secondo le buone norme della tecnica agraria e con la diligenza del buon padre di famiglia. Il comodatario si impegna a concordare preventivamente con la proprietà qualsiasi miglioramento, impegnandosi a non effettuarne senza il suo preventivo consenso scritto e rinunciando a qualsiasi pretesa di rivalsa per eventuali migliorie eseguite senza tale consenso.

Per quanto in questa scrittura non espressamente richiamato, le parti faranno riferimento alle vigenti disposizioni in materia di comodato di cui agli artt. 1.803 e seguenti del Codice Civile, di cui dichiarano di essere a conoscenza.

Letto, approvato e sottoscritto.

Trento, ___/___/___.

il Proprietario

___________________________________
il Comodatario

___________________________________
per la Confagricoltura del Trentino

___________________________________
per il Sindacato dell’Impresa familiare

___________________________________


torna all'indice