LA RETE DEI SERVIZI ALLE PERSONE

A.T. Servizi S.r.l. e Patronato ENAPA offrono un’efficace attività di consulenza e orientamento, in ambito previdenziale, assistenziale, sociale e fiscale. Attraverso i loro uffici aperti al pubblico, forniscono servizi altamente qualificati rivolti a tutti i soggetti che necessitano di assistenza.

IL CAF DIPENDENTI
E PENSIONATI

E’ l’ente che svolge attività di assistenza fiscale, ai lavoratori dipendenti, ai pensionati e ai lavoratori con rapporti di collaborazione coordinata e continuativa.

I servizi offerti sono: 

Il 730 è il modello per la dichiarazione dei redditi dedicato ai lavoratori dipendenti e pensionati. Il modello 730 presenta diversi vantaggi. Principalmente, il contribuente non deve eseguire calcoli e ottiene il rimborso dell’imposta direttamente nella busta paga o nella rata di pensione, a partire dal mese di luglio (per i pensionati a partire dal mese di agosto o di settembre); se, invece, deve versare delle somme, queste vengono trattenute dalla retribuzione (a partire dal mese di luglio) o dalla pensione (a partire dal mese di agosto o settembre) direttamente nella busta paga.

Chi può presentare il 730

Possono utilizzare il modello 730 i contribuenti che nel 2018 hanno percepito:

  • redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (per esempio contratti di lavoro a progetto)
  • redditi dei terreni e dei fabbricati
  • redditi di capitale
  • redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita Iva (per esempio prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente)
  • redditi diversi (come redditi di terreni e fabbricati situati all’estero)
  • alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata, indicati nella sezione II del quadro D.

Possono presentare il modello 730, anche in assenza di un sostituto d’imposta tenuto a effettuare il conguaglio, i contribuenti che nel 2018 hanno percepito redditi di lavoro dipendente, redditi di pensione e/o alcuni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e che nel 2019 non hanno un sostituto d’imposta che possa effettuare il conguaglio. In questo caso nel riquadro “Dati del sostituto d’imposta che effettuerà il conguaglio” va barrata la casella “Mod. 730 dipendenti senza sostituto”.

Clicca qui per scaricare l’elenco completo dei documenti per il 730/2019.

I contribuenti che presentano il 730 possono, inoltre, avere la necessità di presentare alcuni quadri del modello REDDITI Persone fisiche. Nello specifico:

  • il quadro RM, se hanno percepito nel 2018 redditi di capitale di fonte estera sui quali non siano state applicate le ritenute a titolo d’imposta nei casi previsti dalla normativa italiana; interessi, premi e altri proventi delle obbligazioni e titoli similari, pubblici e privati, per i quali non sia stata applicata l’imposta sostitutiva prevista dal Dlgs 239/1996; indennità di fine rapporto da soggetti che non rivestono la qualifica di sostituto d’imposta; proventi derivanti da depositi a garanzia per i quali è dovuta un’imposta sostitutiva pari al 20%; redditi derivanti dall’attività di noleggio occasionale di imbarcazioni e navi da diporto assoggettati a imposta sostitutiva del 20%. Il quadro RM deve inoltre essere presentato per indicare i dati relativi alla rivalutazione del valore dei terreni operata nel 2018. I contribuenti che presentano il modello 730 e devono presentare anche il quadro RM del modello REDDITI non possono usufruire dell’opzione per la tassazione ordinaria prevista per alcuni dei redditi indicati in questo quadro
  • il quadro RT, se nel 2018 hanno realizzato plusvalenze derivanti da partecipazioni non qualificate, escluse quelle derivanti dalla cessione di partecipazioni in società residenti in Paesi o Territori a fiscalità privilegiata, i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati e altri redditi diversi di natura finanziaria, qualora non abbiano optato per il regime amministrato o gestito. Inoltre possono presentare il quadro RT, in aggiunta al 730, anche i contribuenti che nel 2018 hanno realizzato solo minusvalenze derivanti da partecipazioni qualificate e/o non qualificate e perdite relative ai rapporti da cui possono derivare altri redditi diversi di natura finanziaria e intendono riportarle negli anni successivi. Il quadro RT deve inoltre essere presentato per indicare i dati relativi alla rivalutazione del valore delle partecipazioni operata nel 2018
  • il modulo RW, se nel 2018 hanno detenuto investimenti all’estero o attività estere di natura finanziaria. Inoltre, il modulo RW deve essere presentato dai contribuenti proprietari o titolari di altro diritto reale su immobili situati all’estero o che possiedono attività finanziarie all’estero per il calcolo delle relative imposte dovute (Ivie e Ivafe).

I quadri RM e RT e il modulo RW devono essere presentati insieme al frontespizio del modello REDDITI Persone fisiche 2019 nei modi e nei termini previsti per la presentazione di questo modello di dichiarazione.

La dichiarazione ICEF è uno strumento adottato dalla Provincia Autonoma di Trento di regolazione del welfare che consente di valutare la situazione economica della famiglia. L’ICEF sarà utilizzato come parametro per determinare il diritto (e la misura dello stesso) di un nucleo familiare ad ottenere una serie di agevolazioni pubbliche. Il sistema ICEF prende in considerazione i redditi, il patrimonio mobiliare ed immobiliare, alcuni oneri detraibili e deducibili nonché altre indennità e rendite relative ad ogni singolo membro della famiglia anagrafica risultante alla data della richiesta di rilascio della certificazione, compresi i minori e i conviventi non legati da legame di parentela. Per scaricare l’elenco documenti ICEF 2019 clicca qui.

Le principali prestazioni che utilizzano l’ICEF sono:

L’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) è lo strumento di valutazione della situazione economica di coloro che richiedono prestazioni sociali e servizi di pubblica utilità a condizioni agevolate. Viene calcolato con riferimento al nucleo familiare del richiedente e sulla base delle informazioni raccolte con il modello DSU (dichiarazione sostitutiva unica) e delle altre informazioni disponibili negli archivi dell’Inps e dell’Agenzia delle Entrate.

Per scaricare l’elenco documenti ISEE 2019 clicca qui

Le principali prestazioni che utilizzano l’ISEE sono:

Il Modello REDDITI è un modello tramite il quale è possibile presentare la dichiarazione fiscale.

Sono obbligati a utilizzare il modello Redditi Persone fisiche i contribuenti che:

  • nell’anno precedente (cioè, quello oggetto di dichiarazione) hanno posseduto redditi d’impresa, anche in forma di partecipazione, redditi di lavoro autonomo per i quali è richiesta la partita Iva, redditi “diversi” non compresi fra quelli dichiarabili con il modello 730, plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni qualificate o derivanti dalla cessione di partecipazioni non qualificate in società residenti in Paesi o territori a fiscalità privilegiata, i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati, redditi provenienti da “trust”, in qualità di beneficiario
  • nell’anno precedente e/o in quello di presentazione della dichiarazione non risultano residenti in Italia
  • devono presentare anche una delle dichiarazioni: Iva, Irap, Modello 770
  • devono presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti.

Inoltre, anche i contribuenti che utilizzano il modello 730 potrebbero avere la necessità di presentare alcuni quadri del modello Redditi PF (come il quadro RW – Investimenti all’estero e/o attività estere di natura finanziaria – monitoraggio – Ivie/Ivafe).

La dichiarazione di successione deve essere presentata dagli eredi, dai chiamati all’eredità, dai legatari entro 12 mesi dalla data di apertura della successione che coincide, generalmente, con la data del decesso del contribuente.

Sono obbligati a presentare la dichiarazione di successione:

  • gli eredi, i chiamati all’eredità e i legatari (purché non vi abbiano espressamente rinunciato o – non essendo nel possesso dei beni ereditari – chiedono la nomina di un curatore dell’eredità, prima del termine previsto per la presentazione della dichiarazione di successione) o i loro rappresentanti legali
  • i rappresentanti legali degli eredi o dei legatari
  • gli immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta
  • gli amministratori dell’eredità
  • i curatori delle eredità giacenti
  • gli esecutori testamentari
  • i trustee.

Se più persone sono obbligate alla presentazione della dichiarazione è sufficiente presentarne una sola.

Contribuenti esonerati

Non c’è obbligo di dichiarazione se l’eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto e l’attivo ereditario ha un valore non superiore a 100.000 euro e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari. Queste condizioni possono venire a mancare per effetto di sopravvenienze ereditarie.

In aggiornamento.

PATRONATO SERVIZI INPS E WELFARE

E’ l’ente al servizio dei lavoratori e dei cittadini che ne tutela i diritti previdenziali, assistenziali e socio-sanitari.

  • Stampa Certificazione Unica (ex Modello CUD) INPS e certificati di pensione
  • Accredito contributi figurativi
  • Assegno di invalidità
  • Assegno ai lavoratori anziani licenziati 
  • Assegni al nucleo familiare
  • Assegni familiari
  • Astensione anticipata per maternità 
  • Costituzione posizione assicurativa
  • Controversie per maternità e malattia
  • Costituzione posizioni assicurative
  • Cure balneo-termali 
  • Denuncia, recupero e regolarizzazione contributive
  • Delega a riscuotere 
  • Dichiarazioni reddituali
  • Doppia annualità pensione SO
  • Integrazione pensioni facoltative
  • Indennità di disoccupazione agricola 
  • Indennità di disoccupazione non agricola
  • Indennità di mobilità 
  • Indennità per maternità
  • Integrazione volontaria
  • Opposizione a rimborso prestazioni indebite 
  • Pensione di inabilità  
  • Pensione di vecchiaia
  • Pensione di anzianità
  • Pensione ai superstiti
  • Pensioni supplementari 
  • Pensioni complementari
  • Pensione di mutualità e facoltativa 
  • Prestazioni economiche per TBC
  • Ratei maturati e non riscossi
  • Ricostituzioni pensioni per supplemento
  • Ricostituzioni pensioni per contributi pregressi 
  • Ricostituzioni pensioni per motivi reddituali
  • Ricostituzioni pensioni per altri motivi
  • Rinnovo assegno di invalidità
  • Ricongiunzione posizione assicurativa
  • Rettifica posizione assicurativa
  • Riscatto periodi assicurativi
  • Sussidio straordinario di disoccupazione
  • Trasferimento pensioni 
  • Versamenti volontari 
  • Variazione dati pensione
  • Domanda riscatto rendita agricola
  • Pensione di guerra
  • Quota integrativa rendita con decorrenza successiva
  • Riconoscimento malattia professionale 
  • Riconoscimento infortunio
  • Riconoscimento danno biologico
  • Riconoscimento pensione privilegiata
  • Riconoscimento del diritto a rendita 
  • Revisione infortuni e malattie professionali o danno biologico
  • Riconoscimento rendita a superstiti di titolare di rendita 
  • Riconoscimento rendita a superstiti di non titolare di rendita
  • Riconoscimento primo pagamento indennità temporanea 
  • Riconoscimento prolungamento indennità temporanea
  • Riconoscimento causa di servizio
  • Riconoscimento equo indennizzo  
  • Ricaduta stato di inabilità assoluta temporanea
  • Riconoscimento prolungamento assegno giornaliero 
  • Reintegrazione rendita a superstiti 
  • Richiesta integrazione rendita
  • Riconoscimento postumi grado non indennizzabile
  • Richiesta accertamenti diagnostici specifici
  • Richiesta di cure termali
  • Richiesta di protesi
  • Richiesta assegno funerario
  • Richiesta tripla annualità a superstiti
  • Richiesta assegno assistenza personale continuativa
  • Richiesta assegno di incollocabilità grandi invalidi
  • Richiesta rimborso medicinali
  • Richiesta spese di viaggio/diaria/indennità sostitutiva salario
  • Richiesta liquidazione in capitale della rendita 
  • Riconoscimento stato di handicap o di inidoneità al servizio
  • Assegno o pensione di invalidità civile 
  • Assegno sociale
  • Assegno di maternità
  • Assegno peer i nuclei familiari con più di tre figli
  • Indennità di comunicazione
  • Indennità di frequenza
  • Indennità di accompagnamento
  • Pensione ciechi
  • Pensione sordomuti 
  • Pensione di guerra diretta o indiretta
  • Pensione sociale
  • Richiesta permesso di soggiorno
  • Rinnovo permesso di soggiorno 
  • Richiesta ricongiungimento familiare
  • Speciale assegno continuativo (orfani, vedova Legge 248/1976)

bonus bebè, bonum mamma, assegno unico provinciale (ex assegno al nucleo familiare, reddito di garanzia)

Il Patronato ENAPA ti assiste gratuitamente per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno.

Per le tipologie elencate nel prospetto puoi rivolgerti alle nostre sedi presenti sul territorio, se invece la tua richiesta non è presente nell’elenco, devi rivolgerti direttamente all’ufficio Immigrazione della Questura del tuo luogo di residenza.

SINDACATO NAZIONALE PENSIONATI

E’ l’ente che fornisce servizi istituzionali nel campo previdenziale e fiscale.
Tutela e difende i diritti dei pensionati di tutte le categorie e tutti i regimi pensionistici e ne rappresenta gli interessi nei confronti degli organi dell’Unione Europea, dello Stato Italiano, delle Regioni, degli Enti Locali, Enti Pubblici e Privati. 

GESTIONE COLF
E BADANTI

Grazia all’accordo siglato con Assindatcolf, A.T. Servizi S.r.l. offre con grande impegno e professionalità, consulenza ed assistenza assicurando la stesura di contratti di lavoro domestico ed una corretta gestione del personale, alle famiglie che si avvalgono di collaboratori (quali, per esempio, colf, badanti, baby sitter, giardinieri ecc.).

PREVIDENZA
COMPLEMENTARE

A.T. Servizi S.r.l. – Pensplan Infopoint offre gratuitamente i servizi di consulenza e assistenza sotto descritti:

Servizio di consulenza previdenziale  consiste nello svolgimento di un’attività di informazione e consulenza qualificata in materia di previdenza. La consulenza è neutrale e personale, finalizzata a fornire all’utente un’analisi della sua copertura previdenziale obbligatoria e una visione complessiva del sistema di previdenza complementare.

Più informazioni sul sito: www.pensplan.com

Interventi di sostegno regionale consiste nella consulenza e assistenza alla presentazione delle richieste di interventi regionali a sostegno dei versamenti contributivi in materia di previdenza complementare di cui alla Legge Regionale 3/97.
Più informazioni alla pagina web: www.pensplan.com

Vuoi realizzare il sogno di una casa di proprietà?

La Provincia di Trento ha avviato un importante progetto per i residenti in Trentino che sostiene l’acquisto della prima casa incentivando l’attivazione contestuale di una pensione complementare.

Più informazioni alla pagina web: www.pensplan.com

I cambiamenti al sistema pensionistico pubblico in Italia e le attuali difficoltà del mondo del lavoro avranno un impatto significativo sulle pensioni delle nuove generazioni. L’adesione precoce alla previdenza complementare diventa perciò sempre più importante e permette di beneficiare inoltre di significativi vantaggi fiscali.

Più informazioni alla pagina web: www.pensplan.com

L’importo medio delle pensioni in Italia risulta sensibilmente inferiore per le donne rispetto agli uomini.

Maternità, cura dei familiari non autosufficienti e lavoro part-time: tutti questi fattori determinano una riduzione dei versamenti previdenziali e quindi dell’ammontare della pensione finale.

L’adesione ad un fondo pensione complementare permette di accantonare un capitale che andrà ad integrare la futura pensione pubblica.

Più informazioni alla pagina web: www.pensplan.com

CONTATTI

Confagricoltura del Trentino
Via Romano Guardini, 73
38121 TRENTO TN
Telefono 0461 820 677
Fax 0461 825 837
info@confagricolturatn.it
Codice Fiscale 80011210228