Cassa integrazione guadagni in deroga. Procedure operative

A seguito dell’accordo quadro sottoscritto tra la Provincia Autonoma di Trento e le Parti Sociali Trentine sui criteri di accesso agli ammortizzatori sociali in deroga, si precisa che ora è possibile chiedere la CIGD da parte dei datori di lavoro del settore agricoltura. L’attivazione della CIGD avviene nel caso in cui per gli stessi non trovano applicazione altre tutele (CIGO, CISOA, assegni ordinari di un fondo bilaterale o del Fondo territoriale del Trentino) previste dalle disposizioni in materia di sospensione o riduzione di orario. La CIGD è concessa a beneficio dei lavoratori dipendenti di unità produttive ubicate in provincia di Trento, che siano sospesi dal lavoro o effettuino prestazioni di lavoro a orario ridotto riconducibili al fenomeno epidemiologico “COVID 19”

 

Qui di seguito riportiamo le procedure operative da osservare al fine di inoltrare la domanda con preghiera di voler compilare ed inviare il documento editabile che trovate in allegato con la massima urgenza agli indirizzi indicati.

 PASSO 1 – Comunicazione preventiva ai sindacati:

Ogni datore di lavoro deve compilare il modulo dell’accordo quadro dd 8 aprile 2020 “Scheda di adesione” in tutte le sue parti sottoscriverlo ed inviarlo, allegando la propria carta di identità, con posta elettronica certificata ai seguenti indirizzi:

flai@pec.cgil.tn.it;
faicisltrentino@pec.it;
uilaveronatrento@pec.it

Solo nel caso in cui siano presenti RSA/RSU la scheda deve essere inviata anche agli stessi.

PASSO 2 Accordo con i sindacati:

A tutte le aziende associate Loro Sedi

Solo per i datori di lavoro con più di 5 dipendenti l’accordo si perfeziona:

  •   con assenso formale dei sindacati entro tre giorni dall’invio del modulo “Scheda di adesione” inviata via PEC (vedi PASSO 1);

  •   per silenzio assenso dei sindacati in caso di mancata risposta entro tre giorni dall’invio del modulo;

  •   mediante esame congiunto e consultazione.

  •  

  • PASSO 3 – Invio dell’accordo sindacale alla Provincia:

      1. Solo per i datori di lavoro con più di 5 dipendenti Inviare all’indirizzo: serv.lavoro@pec.provincia.tn.it

        •   Copia dell’accordo raggiunto al PASSO 2 con esame congiunto/consultazione; oppure

        •   copia della comunicazione preventiva inviata al PASSO 1 (modulo “Scheda di adesione”) accompagnata da:

    o documentazione che dimostra l’invio alle OOSS e RSA/RSU (se presenti) – anche semplice copia della mail di invio;

    o comunicazione (anche nel testo della mail) del datore di lavoro che non sono presenti RSA/RSU (se non presenti);

    o comunicazione del datore di lavoro (anche nel testo della mail) che, entro i 3 giorni dall’invio della comunicazione preventiva:

    le organizzazioni sindacali hanno fatto pervenire il proprio assenso 

  • oppure

  • non sono pervenute osservazioni o richieste di esame congiunto da parte delle organizzazioni sindacali 

 

PASSO 4 Presentazione della domanda al fondo territoriale:
La domanda di accesso alla cassa in deroga andrà inviata all’indirizzo: https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=50601

La domanda può essere presentata anche per periodi di sospensione già avvenuti a decorrere dal 23 febbraio 2020 (in questo caso basta che la comunicazione preventiva/adesione all’accordo – PASSO 1 e l’accordo sindacale del PASSO 2 – se necessario sia inviato/stipulato prima della domanda).

Il pagamento avverrà secondo le modalità dell’art. 22 del dl 18/20 (ad oggi pagamento diretto al lavoratore da parte dell’INPS).

Nota: le imprese multilocalizzate che sospendono o riducono l’orario di lavoratori impiegati in unità produttive site in Trentino e in altre 4 o più Regioni (comprese la Provincia Autonoma di Bolzano) dovranno presentare domanda al Ministero del Lavoro secondo le indicazioni fornite dallo stesso. 

  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *